Zoom Torino
   APRI

ZOOM e SAVE THE RHINO insieme per proteggere i rinoceronti

L’allarme in Africa non si placa: 1 rinoceronte ucciso ogni 7 ore, solo più 20.000 rinoceronti bianchi e circa 5.000 neri in natura.

In natura sono rimasti circa 20.000 esemplari di rinoceronte bianco e circa 5.000 rinoceronti neri (nel 1970 erano circa 160.000), principalmente in Sudafrica, Kenya, Namibia e Zimbabwe. Il calo degli esemplari non è causato da modifiche genetiche o da malattie, ma esclusivamente dalla presenza di un predatore astuto e micidiale: l’uomo.

Nel 2015 i rinoceronti uccisi in Africa sono stati 1338, se i tassi di abbattimento continueranno a salire con lo stesso trend, 1 rinoceronte ucciso ogni 7 ore, in soli 28 anni i rinoceronti saranno estinti nel loro habitat naturale.

rinoceronte

Il rinoceronte viene cacciato illegalmente per il suo corno, descritto erroneamente dalla medicina tradizionale orientale come potente antipiretico, antibiotico, antitumorale e anche rinvigorente maschile. Il valore sul mercato nero è di circa 95mila dollari/kg (contro i 91mila dollari della cocaina!)…con un unico corno il guadagno dei bracconieri e dei loro committenti si aggira tra i 750 mila dollari e il milione nell’arco di sole 48 ore, cioè il tempo dall’uccisione dell’animale all’immissione sulla piazza del corno o della sua polvere. La “materia prima” si trova nel Continente Nero, ma la domanda viene da Cina, Vietnam, Laos e Thailandia

rino

“Salvare i rinoceronti dall’estinzione – commenta il direttore zoologico di ZOOM Daniel Sanchez – sembra una missione impossibile, ma in realtà non è così come dimostrano le ultime notizie riguardanti il Nepal dove è stato dichiarato sconfitto il bracconaggio di rinoceronti indiani. Le strutture zoologiche possono fare molto e noi ci impegniamo da anni per aiutare concretamente la conservazione della specie sensibilizzando i visitatori e destinando fondi a progetti in situ per la salvaguardia della specie, la formazione di rangers, lo studio di metodologie e sistemi per la protezione dei rinoceronti.”

rino corno tagliato

ZOOM PER IL RINOCERONTE IN SUDAFRICA – PROGETTO 2016

A partire dal 22 settembre 2016 i fondi raccolti saranno destinati al progetto di Save The Rhino per la uMkhuze Game Reserve, riserva sudafricana, al confine con il Mozambico, dove i rangers lavorano per proteggere i rinoceronti bianchi e neri dai bracconieri.

 

In Sudafrica la mattanza dei rinoceronti ha avuto negli ultimi anni una battuta d’arresto grazie alla preparazione dei rangers e alla loro implementazione, ma la vicinanza dell’uMkhuze Game Reserve al Mozambico rende questa realtà particolarmente esposta e a rischio in quanto è proprio dal Mozambico che parte la maggior parte dell’esportazione verso il mercato nero asiatico.

In particolare I fondi saranno destinati a:

Sostegno economico della riserva

Addestramento rangers

Acquisto:

18 binocoli Terra ED

59 lampade frontali Jetbeam HR25 Cree

50 equipaggiamento camouflage

59 equipaggiamento antipioggia

20 corsi di primo soccorso per ferite da armi da fuoco e traumi

20 kit per primo soccorso per ferite da armi da fuoco

Non girarti dall’altra parte, aiuta ZOOM a salvare i rinoceronti! Come? Partecipa al weekend dedicato e scopri tutto su questa piaga mondiale.

ZOOM PER IL RINOCERONTE IN NAMIBIA – PROGETTO 2014-15

Era l’inizio del 2014 quando, complice l’arrivo a ZOOM Torino del rinoceronte Freddy è stata attivata dal bioparco “Operazione Rhino”, un’iniziativa di sensibilizzazione sul bracconaggio e raccolta fondi destinati al sostegno della Riserva di Ongava in Namibia.

In un anno e mezzo sono stati raccolti oltre 7 mila euro destinati a:

Sostegno della riserva dove 16 rangers proteggono i rinoceronti presenti sul territorio permettendo loro la riproduzione Addestramento di un’unità di operatori che lavorano in loco per contrastare i bracconieri

Acquisto equipaggiamento e giubbotti antiproiettili per i rangers

Anche Le Iene sono al fianco di ZOOM e dei rinoceronti! Luigi Pelazza è volato in Namibia con il direttore zoologico del parco proprio per documentare la mattanza e ricercare i bracconieri.

Conoscere per Conservare